Curiosità

LA GUIDA DIGITALE

Ti sarà sicuramente successo di usarle: auto condivise, che prenoti con un’app. Nell’ottica della condivisione e del car sharing, sbarcheranno nei prossimi anni nelle grandi città le navette elettriche, condivise e a guida autonoma.

Le navette a guida autonoma sono già in corso di sperimentazione in tutto il mondo, anche nel traffico urbano, per servire alcune aree ben delimitate. 

Questi veicoli di nuova generazione saranno gestiti dalle società di trasporti pubblici. Potrai chiamarli con uno smartphone e salire a bordo in aree di sosta specifiche, allestite in città. 

Potranno essere berline da 2 a 5 posti, o veicoli di maggiori dimensioni, ma sempre a trazione elettrica e senza conducente.

La moltiplicazione di questi veicoli elettrici e condivisi dovrebbe contribuire al miglioramento della qualità dell’aria cittadina e a ridurre il numero di auto sulle strade. Secondo gli esperti, il rischio di incidenti dovrebbe essere del 90% inferiore rispetto a veicoli guidati da esseri umani. L’assenza di conducente ridurrebbe inoltre il costo della corsa rispetto a quello di un taxi.

In più, Michelin ha sviluppato il pneumatico Energy E-V per auto elettriche ecologiche, grazie a un programma di ricerca e innovazione di quattro anni condotto insieme a Renault. I nuovi pneumatici ad alta efficienza energetica contribuiscono ad incrementare l'autonomia dell’auto ZOE fino al 6% su percorsi semi-urbani.

Non male, no?